Mancano i soldi per programmare interventi di manutenzione straordinaria e, al contempo, lo stato di degrado di 14 strade non consente di effettuare interventi ordinari di restyling. Di conseguenza, scatta l'abbassamento del limite di velocità.

È questo, in estrema sintesi, il contenuto di un'ordinanza firmata nei giorni scorsi dal comandante della polizia locale di Pomezia, Angelo Pizzoli, che ha decretato per 12 arterie stradali la riduzione del limite di velocità da 50 a 30 chilometri orari, mentre per due sole vie quello da 60 a 40 chilometri orari. «Lo stato di dissesto diffuso in alcune arterie comunali - si legge, appunto, nell'ordinanza - non consente di programmare interventi di manutenzione ordinaria e la mancanza di fondi non consente di programmare interventi di manutenzione straordinaria.

ertanto, questo ente proprietario, nelle more degli appositi interventi manutentivi di ripristino e messa in sicurezza della sede stradale, ritiene necessario procedere, nei tratti caratterizzati pavimentazione dissestata, a un prudenziale abbassamento del limite massimo di velocità consentito e all'apposizione di idonea segnaletica stradale di pericolo ‘Strada Deformata'».

Quali sono le strade coinvolte dal provvedimento? Quelle che vedono il nuovo limite a 40 chilometri orari sono la via del Mare, nel tratto compreso fra i chilometri 18+400 e 20+100, e via Mar Libico. Quelle, invece, dove il limite è fissato a 30 chilometri orari sono le seguenti: via della Siderurgia, via Cesare Fiorucci, via delle Monachelle, via di Santa Procula, via della Castagnetta, via di Torvajanica Alta (nel tratto compreso fra via Campo Selva e via Mar Caspio), via Svezia (tra via Stoccolma e via Sofia e tra via Atene e via Grenoble), via Siviglia (tra Lungomare delle Meduse e via Carlo Alberto Dalla Chiesa), Lungomare delle Meduse (fra il fosso Rio Torto e via Budapest), via Casablanca, via dei Romagnoli (fra il tratto pavimentato con betonelle e l'incrocio con via Zara) e via Monte d'Oro.