E' accusato di tentata estorsione ai danni di un imprenditore. E' stato arrestato Giuseppe Cervelloni, 48enne di Terracina già noto alle forze dell'ordine, dopo un'indagine condotta dalla squadra Anticrimine del commissariato di Terracina. L'indagine era partita a seguito di un evento incendiario avvenuto la scorsa estate in prossimità di un "Bar sala slot" di Terracina, in cui venne distrutta l'auto del titolare. Le fiamme si propagarono fin sulla facciata di una palazzina ma per fortuna, grazie ai vigili del fuoco, non causarono ulteriori danni. L'attività investigativa si è focalizzata sull'attività commerciale e sui frequentatori e, dopo essere emersa la presenza assidua del Cervelloni, si è potuto appurare un atteggiamento intimidoatorio nei confronti del titolare, al punto che quest'ultimo ha deciso di vendere arte dell'attività accordandosi con l'uomo, ricevendo dallo stesso un acconto in sede di accordo preliminare e acconsentendo che questi partecipasse temporaneamente alla gestione per verificarne l'effettivo guadagno.

A seguito della cogestione i rapporti si erano logorati e l'accordo stesso era "saltato" ed è stato allora che è iniziata una escalation di minacce ed atti intimidatori volti ad ottenere l'adempimento dell'accordo o un risarcimento, si concretizzavano in vere e proprie richieste estorsive. Il titolare dell'attività commerciale veniva minacciato anche in presenza dei familiari ai quali si estendevano le intimidazioni. Le vittime, ormai persuase di un imminente pericolo per la loro incolumità, si sono rivolte alla polizia di Stato.  raccolto elementi di prova, lo scoso 25 agosto è stato scongiurato il peggio, quando Cervelloni è stato sorpreso nei pressi del bara in possesso di un coltello. 

Il gip ha accolto le richieste del commissariato, di una misura cautelare adeguata. "La ricostruzione delle condotte antigiuridiche ha infatti ampiamente dimostrato l'inadeguatezza di ogni altra misura alternativa alla detenzione fondando il sospetto che l'indagato fosse determinato a nuocere ulteriormente se non adeguatamente contenuto", si legge nella nota dell Questura. L'uomo è ristretto nella Casa circondariale di Latina.