Ladri in azione nella notte tra giovedì e venerdì, a Sezze. A finire sotto le mire dei malviventi il Centro Unico di Prenotazione, il Cup, situato all'interno della Casa della Salute. In piena notte, intorno alle 3, un uomo, con il volto travisato da un cappuccio, si è introdotto all'interno della struttura, sfondando una porta a vetri che serve uno dei parcheggi dell'ex ospedale "San Carlo da Sezze". Una volta dentro, stando alle prime ricostruzioni, si sarebbe avvicinato al gabbiotto del Centro Unico di Prenotazione, sfondando con facilità la porta a vetri e introducendosi all'interno, con la speranza di racimolare denaro dalle casse. Una volta davanti alla cassaforte, però, avrebbe desistito dal proseguire nella sua azione criminosa, limitandosi a prelevare dal bancone qualche moneta solitamente utilizzata dagli operatori per restituire il resto a chi paga in contanti. Vani, invece, i tentativi di cercare denaro, con l'apertura di tutti i cassetti contenenti referti, prescrizioni mediche e ordini di servizio della struttura. Da qui la decisione di abbandonare tutto e di non prendere nemmeno in considerazione l'ipotesi di prelevare computer, stampanti e apparecchiature elettroniche a disposizione degli operatori della struttura sanitaria. Ad accorgersi di quanto era accaduto la notte precedente gli stessi operatori, che ieri mattina, alle 7.30, si sono presentati in ufficio e hanno potuto vedere cosa era successo, contattando immediatamente le forze dell'ordine. Sul posto sono arrivati i militari della locale caserma dei carabinieri, coordinati dal Comandante Salvatore Barbagallo, che hanno effettuato i primi rilievi di concerto con i colleghi del Norm - Aliquota Radiomobile di Latina. Gli stessi carabinieri hanno ottenuto dai responsabili della struttura le immagini delle videocamere di sorveglianza installate alla Casa della Salute, quelle relative all'ingresso principale, da dove comunque il ladro non era passato, e quelle della telecamera che inquadra i tre sportelli del Centro Unico di Prenotazione, dalle quali gli inquirenti cercheranno di capire come siano andate le cose e se l'operazione, come sembra, sia stata improvvisata. Il servizio di prenotazione della Casa della Salute è stato interrotto per il turno di mattina, proprio per permettere i rilievi del caso, ma è ripreso nel turno pomeridiano senza che fossero arrecati ulteriori problemi per gli utenti.