La Procura ha chiuso l'inchiesta per la presunta truffa all'Ater dove gli inquirenti in un primo momento avevano contestato anche il vincolo associativo che poi in fase di indagini preliminari era decaduto. I reati ipotizzati contestati dal pm Giuseppe Bontempo che aveva ereditato il fascicolo dalla collega Cristina Pigozzo, erano anche quelli di turbativa d'asta e frode nelle pubbliche forniture oltre che di abuso d'ufficio. Per alcuni indagati arriva l'archiviazione, come ha deciso il giudice per le indagini preliminari Giorgia Castriota che ha sciolto la riserva in merito alla richiesta del magistrato inquirente. Sul registro degli indagati per dei fatti contestati che risalgono tra il 2012 e il 2014, era finito il direttore generale dell'ente di via Curtatone Paolo Ciampi e poi l'ingegnere Riccardo Roco, il geometra Benito Silvi, Francesco Berardi, Osvaldo Previato e Piero Collina, componente della commissione aggiudicatrice. Alla fine il giudice ha accolto la prospettazione della Procura e ha disposto l'archiviazione per Ciampi, Berardi, Previato e Collina nei cui confronti non sono stati ravvisati i margini per una incriminazione penale e di conseguenza elementi per sostenere l'accusa. In quattro dunque escono tutti definitivamente di scena. L'inchiesta aveva riguardato gli alloggi popolari in quasi tutta la provincia di Latina, ad Aprilia e poi a Formia, Fondi ma anche a Campodimele e poi Cisterna e Latina aveva portato a ricostruire l'affidamento di oltre cento appalti finiti sotto la lente di ingrandimento della Procura. L'inchiesta era nata dall'esposto di un dipendente dell'Ater e in un secondo momento anche dalla denuncia presentata da una azienda che aveva perso una gara d'appalto. Nel fascicolo era finita anche una determina del 2012 per il completamento dei lavori in questo caso nel capoluogo pontino. Gli accertamenti erano stati condotti dai militari del Nucleo di Polizia Tributaria della Guardia di Finanza e avevano indirizzato anche in via Curtatone, proprio nella sede dell'ente dove nel corso di un accesso erano stati sequestrati moltissimi documenti che poi erano stati dissequestrati dal Riesame.