Sorpreso a rubare in un appartamento del centro, un ladro ha cercato di assicurarsi la fuga picchiando il proprietario di casa, ma è stato bloccato dai vicini e ammanettato dai carabinieri intervenuti nel frattempo. In carcere è finito un trentenne ucraino, Bogdan Pisnya, che deve rispondere dei reati di rapina impropria e furto in concorso, perché poco prima di essere scoperto aveva già svaligiato un'altra abitazione con l'aiuto di un complice scampato alla cattura.
L'episodio si è registrato nel pomeriggio di sabato in via Emanuele Filiberto, nella zona del quartiere popolare Nicolosi dove lo straniero aveva deciso di colpire tra le case lasciate incustodite. Non è nuovo a casi di questo genere, visto che già nel gennaio scorso era finito in carcere per una rapina simile, quando aveva picchiato il dipendente di una pizzeria dove si era intrufolato nell'orario di chiusura per svuotare il registratore di cassa: anche quella volta era stato rincorso e bloccato in tempo all'arrivo delle forze dell'ordine.