È stato recuperato il corpo del comandante Rinaldo Di Lello, 63 anni, disperso in mare da venerdì mattina a causa dell'affondamento del peschereccio su cui si trovava insieme ad un altro pescatore. Imbarcazione è stata agganciata dalle paranze della flotta della marineria terracinese coordinate dalla guardia costiera a 34 m di profondità e circa un miglio e mezzo dalla Costa del Litorale di Fondi. Il corpo è stato riportato in porto da una motovedetta della Guardia Costiera.

Sono ripartite questa mattina, coordinate dalla Guardia Costiera, le ricerche di Rinaldo Di Lello, il pescatore disperso ieri mattina, venerdì 14 dicembre, dopo l'affondamento del peschereccio al largo del litorlae di Fondi. Le paranze della flotta terracinese questa mattina sono ripartite, ma dovranno ricominciare da zero perché a quanto pare ieri quello che il "Piramide" aveva agganciato sul fondale non era il "Claudio Padre". Rientrate in porto, in questi minuti si stanno dotando di attrezzature in grado di migliorare lo strascico con le reti, mantenendo meno distanza tra una paranza e l'altra. Saranno diversi i pescherecci che usciranno in mare. Il tempo, oggi decisamente migliore, consentirà di operare meglio. 

di: La Redazione