Tornando a casa hanno trovato ad attenderli tre stranieri incappucciati, rapinatori spietati che hanno picchiato a sangue lui e bloccato lei, impedendole di urlare per chiedere aiuto: P.G., titolare di un'impresa funebre di Latina Scalo, e la moglie, entrambi settantenni, sono finiti ieri notte nel mirino di una banda di professionisti dei colpi in villa, un incubo che ha rischiato di protrarsi per molte ore se un imprevisto non avesse costretto i banditi a scappare dalla loro abitazione vicino Doganella. Gli sconosciuti puntavano al contenuto della cassaforte, ma si sono dovuti accontentare di un bottino di gran lunga inferiore alle aspettative, poco più di duemila euro in contanti. 

I banditi erano nascosti nel cortile all'esterno della villa di via Pompa a Vento, nelle campagne tra Latina Scalo e Doganella, in territorio comunale di Sermoneta. Sono rimasti nel buio fin quando l'imprenditore e la moglie hanno parcheggiato l'auto e sono scesi: solo a quel punto i rapinatori sono usciti allo scoperto, ma lo hanno fatto con movimenti rapidi, senza lasciare il tempo alle vittime di reagire, tantomeno scappare.

I dettagli sull'edizione odierna di Latina Oggi