Per il 33esimo anno consecutivo, a Nettuno, a mezzogiorno di oggi - primo gennaio 2019 - si è svolto il tradizionale Bagno di Capodanno.

122 le persone che si sono tuffate in acqua nei pressi dello stabilimento balneare "Vittoria", al lato del Forte Sangallo, dando luogo a un simpatico e colorato evento carico di gioia.

Patrocinato dal Comune di Nettuno, il Bagno di Capodanno è stato organizzato dalla Società nazionale di Salvamento - sezione Anzio Nettuno -, dalla Salvamento agency, dall'associazione Gemellaggi di Nettuno, dalla Scuola italiana Cani salvataggio e dall'associazione "Nettuno" di protezione civile.

Ad aprire l'evento, c'è stata la presentazione - da parte del presidente Fausto Onori - del nuovo mezzo di salvataggio in dotazione alla Società nazionale di Salvamento: si tratta di un quad adibito al salvataggio, sia nell'ambito del primo soccorso sanitario che del soccorso in ambiente acquatico.

Il tuffo in acqua, invece, è stato accompagnato dal volo di aerei promosso dall'Aeroclub "Volere&Volare", mentre in acqua c'erano anche i ragazzi dell'associazione "Voga Veneta" di Nettuno. Fondamentale il sostegno dell'Ufficio circondariale marittimo di Anzio e di alcuni sostenitori (Marteo Tramezzini e Sfizi, Cornetteria Panna e Cioccolato, Todis di Santa Barbara e azienda agricola "Casal de Luca" di Campoverde).

Il più anziano a tuffarsi in acqua è stato Salvatore Polidoro, 89 anni: da tempo è l'uomo più avanti con l'età a sfidare il freddo. La donna più "matura", invece, è stata Annunziata Massone, 70 anni. Il bambino più piccolo a gettarsi in mare, invece, aveva tre anni e si chiama Stefano Pinaffo; la bimba più piccola, quattro anni, era Lili Mazzi.