La polizia ha arrestato la scorsa notte un cittadino moldavo, sorpreso mentre stava forzando lo sportello di un'auto in via Toti. Un equipaggio della Squadra Volante, a seguito di segnalazione pervenuta alla linea 113, interveniva in via Toti per una persona che stava tentando di forzare un' autovettura in sosta; sul posto, gli operatori notavano una Volkswaghen Passat di colore nero che presentava un grosso foro sul lunotto posteriore e una vistosa rigatura sulla portiera destra. Subito dopo, l'attenzione dei poliziotti veniva attirata da alcuni movimenti sospetti provocati da una persona nell'atto di allontanarsi frettolosamente dalla strada che veniva immediatamente fermata nella via limitrofa. Poco distante dal sospetto, veniva rinvenuto e sequestrato un cacciavite con manico di gomma ed una chiave metallica per smontaggio pneumatici.
Addosso al fermato, dopo una perquisizione personale, venivano rinvenuti 3 mazzi di chiavi di autovetture delle quali non sapeva giustificarne il possesso. Mentre il personale della Polizia di Stato procedeva con il fermato, poco distante, l'equipaggio di un'altra volante rinveniva un furgone parcheggiato in divieto di sosta con le portiere aperte risultato rubato poco prima, insieme a tre mazzi di chiavi, nei pressi dell'Ospedale S.M. Goretti. Dai successivi accertamenti emergeva che le chiavi erano state trafugate all'interno di un piccolo prefabbricato in lamiere presente all'interno del locale nosocomio ed in uso ad una ditta che tratta rifiuti speciali, e grazie alle chiavi, il fermato, si era poi impossessato del furgone abbandonandolo in strada.
La persona fermata, con precedenti specifici, veniva condotta presso gli uffici della Questura, ed identificate per Parfionov  Vladislav, moldavo del ‘81, irregolare sul territorio. L''uomo, dopo gli accertamenti di rito veniva tratto in arresto per il reato di furto aggravato e ricettazione e condotto presso la locale Casa Circondariale.