A distanza di quasi un anno e mezzo dai fatti e dal ritrovamento del corpo, c'è ancora nebbia sulle cause della morte di Denis Berto. Il mistero resta fitto. Nessun colpo di scena è avvenuto negli ultimi mesi per cambiare rotta ad una inchiesta difficile, nata su un terreno che è sembrato scivoloso perché non è stata mai trovato uno straccio di indizio. Il fascicolo adesso finirà al gip dopo che il magistrato inquirente ha puntato sulla richiesta di archiviazione nel momento in cui l'indagine non ha avuto alcun colpo di scena. Nelle scorse settimane il pubblico ministero Valerio De Luca, titolare dell'inchiesta, ha disposto l'archiviazione del fascicolo non ravvisando responsabili sulla morte dell'uomo e anche i margini per esercitare l'azione penale nei confronti di qualche indagato. Il fascicolo aperto contro ignoti resterà dunque così. Erano stati gli agenti della Squadra Mobile ad indagare sulle cause del decesso. Anche i risultati dell'autopsia avevano lasciato ogni ipotesi aperta a qualsiasi analisi. Insomma poteva essere tutto o niente. Era stato lo stesso medico legale a lasciare aperte tutte le strade, mantenendo intatto il dubbio sulle modalità della morte. Le conclusioni a cui è arrivato il consulente della Procura sono tre: la morte potrebbe essere stata provocata da una caduta da un altezza non elevata, oppure da un oggetto contundente e infine anche da un investimento di un'auto che poi è scappata. E' una ricostruzione che si basa sulla scorta della compatibilità delle ferite riportate, tra cui quella ad alcune costole e al polmone. In un primo momento l'ipotesi presa in considerazione sembrava quella di un investimento da parte di un'auto che aveva fatto perdere le tracce e si era pensato anche ad un suv, ma gli investigatori avevano tenuto in considerazione anche la pista di una eventuale aggressione.  E poi anche la maglietta che l'uomo indossava la sera della morte non è stata trovata ed è stato impossibile analizzarla in laboratorio per trovare qualche traccia biologica che sarebbe stata preziosa per i detective. Il fascicolo aperto dalla Procura, con l'accusa di omicidio stradale, ha preso la strada dell'archiviazione, i familiari dell'uomo adesso potranno anche presentare un'opposizione alla richiesta di archiviazione da parte della Procura e chiedere un supplemento di nuove indagini. Il mistero della morte di Denis Berto dunque resta.