Il giudice del Tribunale di Latina Giorgia Castriota ha disposto il trasferimento a Rebibbia nei confronti del giovane di 29 anni che cercò di strangolare la zia nel sonno. L'episodio era avvenuto la scorsa estate a Latina. La consulenza ha dichiarato l'indagato parzialmente incompatibile con la detenzione in carcere a Latina e il magistrato ha disposto il trasferimento in un settore speciale dell'istituto in regime di osservazione. Il giovane era stato arrestato lo scorso agosto dai carabinieri della Compagnia di Latina che avevano fatto piena luce su una storia familiare estremamente triste e dai risvolti drammatici.  Era stata una denuncia a far scattare le indagini: secondo la ricostruzione degli investigatori il 28enne aveva cercato di uccidere la donna con cui condivide la camera da letto.