Avvicinata con la scusa di un'elemosina, una donna disabile è stata derubata da uno sconosciuto ieri mattina in città. È successo in via degli Aurunci, nella zona di piazza Moro, dove la vittima si era recata in un negozio per alcuni acquisti.
L'allarme borseggi si ripropone in città dopo tre settimane di tregua. Praticamente non si sentiva di una donna scippata da quando la Polizia, sabato 12 gennaio, aveva arrestato il quarantenne Andrea Petkov pochi minuti dopo l'aggressione a un'anziana. Neanche a farlo apposta, il bandito che ha colto nel segno ieri ha scelto una delle zone già colpite durante la lunga serie di borseggi registrata tra l'autunno e l'inverno: proprio in via degli Aurunci si era registrato uno dei numerosi borseggi.
L'allarme alla centrale operativa della Questura è scattato intorno alle 11:30 quando il bandito scappava a gambe levate col bottino. Sono stati i poliziotti della Squadra Volante a intervenire per raccogliere una descrizione del fuggitivo e avviare le ricerche nelle zone limitrofe.
Stando a una prima ricostruzione dei fatti, la vittima si stava spostando a bordo della propria carrozzina elettrica quando è stata fermata dallo sconosciuto. L'uomo le ha chiesto qualche spicciolo, è stato molto insistente e la donna si è convinta ad aprire la borsa per dargli qualcosa. Ma non appena la vittima ha tirato fuori il portafogli, il bandito glie l'ha strappato dalle mani e si è dato alla fuga. La poveretta non ha potuto fare altro che chiedere aiuto urlando, ma il borseggiatore ha avuto tutto il tempo di dileguarsi.
La donna non ha escluso che si trattasse di uno straniero, ma era comprensibilmente scioccata per l'accaduto. I poliziotti hanno raccolto una descrizione dello sconosciuto, soprattutto sulla fisionomia e l'abbigliamento che indossava, ma le ricerche hanno dato esito negativo: lo scippatore è svanito nel nulla.