Resta in carcere il giovane di 23 anni di Latina residente a Borgo Sabotino, arrestato dai carabinieri del Nucleo Investigativo con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. E' quello che ha deciso il gip Giuseppe Cario al termine dell'interrogatorio di garanzia che si è svolto oggi pomeriggio in carcere. L'indagato, difeso dagli avvocati Giancarlo Vitelli Paolo Zeppieri  ha risposto alle domande del magistrato. L'operazione dei militari diretti dal tenente colonnello Paolo Befera, era scattata martedì a Borgo Sabotino e aveva portato al sequestro di 213 dosi di cocaina per un totale di 70 grammi e poi anche 4 grammi sempre della stessa sostanza che erano conservati in un altro involucro, 28 grammi di sostanza da taglio del tipo mannite e infine 10 grammi di hascisc, oltre al materiale utile per il confezionamento delle dosi e infine anche circa 2mila euro in contanti.