Si è presentato al pronto soccorso dell'ospedale di Latina, accompagnato da un operatore del centro per minori di Cisterna in cui è ospite, raccontando di aver subito un'aggressione da una persona a lui nota.
Una storia dai contorni ancora poco chiari, quella accaduta mercoledì a un giovane tunisino di 17 anni, ospitato da tempo all'interno in una delle strutture che accoglie minori stranieri non accompagnati nel comune di Cisterna di Latina.
Secondo quanto ha raccontato, il minorenne sarebbe stato colpito ripetutamente sul volto e al capo con un oggetto contundente, presumibilmente un bastone di legno. I colpi inferti, arrivati in modo improvviso; sopraffatto, ha chiesto aiuto. A causa delle lesioni riportate, il minorenne è stato costretto a ricorrere alle cure mediche.
Sul posto non è intervenuto il personale del 118: il giovane infatti è stato soccorso e accompagnato dagli operatori del centro, i quali hanno provveduto a trasportare il ferito presso il pronto soccorso dell'ospedale Santa Maria Goretti di Latina. Gli accertamenti effettuati dallo staff sanitario del nosocomio del capoluogo hanno riscontrato e messo a referto il trauma cranico, per fortuna non grave, e i segni dei colpi che lo hanno raggiunto all'occhio sinistro e probabilmente anche al naso. Una prognosi di sette giorni che non ha necessitato il ricovero obbligatorio, tant'è che il 17enne ha deciso di tornare nel centro dove è ospite.