È comparso ieri davanti al giudice per le indagini preliminari Giorgia Castriota il 35enne di San Felice Circeo, A.S. le iniziali, arrestato dai carabinieri perché trovato in possesso di circa un chilo di droga.
L'uomo, assistito dall'avvocato Guido Calisi, ha risposto alle domande e ha negato categoricamente il possesso della droga per finalità di spaccio. Ha reso dichiarazioni spiegando che lo stupefacente trovato e sequestrato dai carabinieri era per uso personale. Una sorta di "scorta" - ha detto - per non avere in continuazione rapporti con terzi. Al termine dell'udienza, il giudice, sciogliendo la riserva, ha disposto la misura cautelare dei domiciliari. Una decisione che è stata accolta con favore dalla difesa, trattandosi di una misura meno afflittiva.
L'arresto risale a martedì. I carabinieri di San Felice, diretti dal luogotenente Mancini e coordinati dal capitano Vivona, della Compagnia di Terracina, hanno fermato l'uomo mentre era a bordo dell'auto. Un intervento non casuale, ma che arriva al termine di una specifica attività investigativa che è stata portata avanti nell'ultimo periodo. I militari dell'Arma hanno quindi perquisito il veicolo e anche un magazzino in uso al 35enne. Così hanno trovato e sequestrato circa un etto di cocaina, 830 grammi di hashish, 120 di marijuana. Sequestrati anche circa 500 euro ritenuti proventi dell'attività di spaccio. Le indagini stanno proseguendo per risalire ai canali di rifornimento della droga.