E' stato sottoposto a fermo giudiziario, gravemente indiziato di tentato omicidio un cittadino romeno di 45 anni, accusato di aver cosparso di alcol e dato alle fiamme un moldavo, durante una lite scoppiata per futili motivi. I carabinieri hanno subito chiuso il cerchio sull'episodio denunciato da un moldavo di 41 anni che alle 4 del mattino è stato trasportato in ambulanza all'ospedale di Terracina con ustioni sul 20 per cento del corpo. Per lui, 30 giorni di prognosi, ricoverato nel reparto di Chirurgia. La vittima è stata soccorsa mentre era in evidente stato di ebbrezza alcolica. Non è escluso dunque che la lite sia scoppiata anche perché i due erano fomentati dall'alcol. Un terzo uomo, anche lui rumeno, è intervenuto a spegnare le fiamme ed è stato considerato estraneo ai fatti. L'episodio si è vericiato in un casolare abbandonato. Ora il fermato è a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Un uomo nella notte trascorsa è stato trasportato all'ospedale Fiorini di Terracina con ustioni sul 20 per cento del corpo. L'uomo, uno straniero, era sotto l'effetto di sostanze alcoliche e ha raccontato di essere stato aggredito da due sconosciuti, che lo avrebbero poi cosparso di alcol e dato alle fiamme. Sul caso indagano i carabinieri della Compagnia di Terracina. Sono al setaccio le telecamere di videosorveglianza.

di: La Redazione