Una mattina, questa del 28 febbraio, davvero frenetica. La ricerca dell'alpinista di Sezze, Daniele Nardi e del suo compagno di spedizione, il britannico Tom Ballard, è stata di nuovo sospesa a causa delle avversità metereologiche sul Nanga Parbat. Purtroppo i due elicotteri dell'esercito pakistano con i tre esperti alpinisti a bordo, Muhammad Ali Sadpara, l'unico ad aver scalato il Nanga Parbat in inverno unitamente a Simone Moro e Alex Txikon, Imtiaz Hussain e Dilawar Hussain, profondi conoscitori di questa montagna, hanno dovuto fare inversione all'avvicinarsi della montagna, sommersa al momento dalle nuvole. L'elicottero, dunque, è rientrato a Skardu ed ora il tempo verrà monitorato minuto dopo minuto per provare, si spera a breve, di tornare ad esplorare lo Sperone Mummery. L'opzione, in un primo momento, era quella di depositare i tre alpinisti al campo base per alleggerire l'elicottero che poi dovrà volare lungo la facciata dello Sperone.