Nel corso della mattinata odierna, personale della Polizia di Stato della Squadra Mobile di Latina ha tratto in arresto il cittadino rumeno Virgilius Marcelius Tanasa, classe 78. in Italia senza fissa dimora in quanto destinatario di un'ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Gip del Tribunale di Latina Giuseppe Cario.

Le ragioni della custodia cautelare in carcere del Tanasa sono il frutto di serrate indagini che hanno visto impegnato personale della seconda sezione della Squadra Mobile dalla sera dello scorso 21 febbraio, dopo il ricovero nel locale pronto soccorso della 28enne cittadina rumena T.A.M. con una vistosa ferita da arma da taglio sulle mani ed escoriazioni sul corpo. Le informazioni fornite dalla vittima, hanno evidenziato i comportamenti violenti e vessatori dell'arrestato. Il lungo racconto della giovane ha evidenziato le attività delinquenziali poste in essere da alcuni anni dall'arrestato, che andavano dallo sfruttamento dell'attività di meretricio della giovane donna, ai maltrattamenti in famiglia, alle lesioni aggravate ed altro. Il sopralluogo effettuato all'interno del domicilio sito sul lungomare di Latina dove era avvenuta l'ultima aggressione, a causa della quale la ragazza era dovuta ricorrere alle cure mediche, evidenziavano la presenza di copiose tracce di sostanza ematica a terra e ciocche di capelli tagliati alla donna dall'indagato, per deturparne l'aspetto esteriore. Questi, infatti, dopo una scenata di gelosia, armatosi di coltello, aveva tentato di sfregiare in volto la donna, non riuscendovi solamente per la pronta reazione della vittima che parava i fendenti coprendo il volto con le mani, tanto che le venivano procurati svariati tagli sui palmi di entrambe la mani.

Per tale ragioni su richiesta del Pm Simona Gentile, per la gravità dei fatti accertati, il Gip Giuseppe Cario ha disposto la misura della custodia cautelare in carcere a carico del Tanasa Virgilius Marcelius, per i reati di maltrattamenti in famiglia, sfruttamento della prostituzione e lesioni aggravate dall'uso di un coltello. L'uomo che si era reso irreperibile subito dopo l'ultima aggressione, hanno portato nella mattinata odierna al suo rintraccio nel centro cittadino ed al suo arresto. Ultimate le formalità di rito, il Tanasa è stato associato alla casa circondariale di Latina.