Il Consiglio di Stato, con un'ordinanza, ha sospeso l'esecutività di una sentenza del Tar del Lazio che, lo scorso anno, aveva ribadito la validità di un'ordinanza di demolizione di un immobile costruito a due passi dal mare da un privato su un terreno che al Catasto risulta demaniale.

In particolare, in attesa di entrare nel merito della questione, i giudici amministrativi di secondo grado hanno di fatto bloccato l'iter legato alla demolizione del manufatto, con l'ordinanza del 2010 che ora non potrà essere eseguita fino alla definizione della querelle fra gli eredi di chi costruì l'edificio, ora in stato di abbandono dopo alterne vicende, e il Comune.

La questione, vale la pena evidenziarlo, riguarda una struttura costruita su terreni che, secondo una relazione depositata in sede di giudizio di primo grado e fatta eccezione per una sola particella effettivamente intestata agli eredi della coppia di proprietari originari, risulta costruita su un terreno di Demanio pubblico appartenente al Ramo della Marina Mercantile.

Tra l'altro, proprio...