I razziatori di bar e tabacchi sono tornati a colpire ieri notte, ancora una volta spostandosi lungo la Pontina. A farne le spese il Café Rouge che si trova al chilometro 76,5 della 148 a sud del capoluogo, una delle attività più bersagliate dagli scassinatori. Quello di ieri è solo l'ultimo furto di una lunga serie negli ultimi due anni, quasi una decina e tutti messi a segno con le stesse modalità.
L'allarme ieri notte è scattato poco prima delle due, quando la telesorveglianza privata ha rilevato l'incursione dei ladri, almeno due. In realtà quello era l'atto culminante dell'azione seriale: i banditi hanno impiegato una manciata di minuti a passare in rassegna il bancone e arraffare tutto quello che hanno trovato, una scorta di sigarette e gratta e vinci. Sta di fatto che all'arrivo dei poliziotti della Squadra Volante i soliti ignoti erano già scappati, svaniti nel nulla.
Il modus operandi è lo stesso dei casi precedenti, compresi quelli registrati in passato ai danni delle altre attività commerciali del circondario. L'ultimo giusto la notte precedente, sempre sulla Pontina, poco più a sud in località Borgo San Donato. In sostanza i ladri hanno tagliato la saracinesca in senso orizzontale, utilizzando probabilmente un frullino tipo Flex, poi hanno sfondato la vetrata della porta e sono entrati nel bar. Un vero e proprio tormento per i commercianti visto che molto spesso i danni provocati alle strutture sono persino superiori al valore del bottino intascato dai ladri. E pensare che nel caso del bar visitato ieri notte, il gestore ha persino tolto dal locale le slot machine che avevano attirato i primi sgraditi visitatori.