Nottata di furti sui Monti Lepini, anzi nella piana ai piedi dei paesi Lepini. Un bar di via Veneto a Sezze Scalo e un minimarket sulla Strada Provinciale Marittima II in località Fossanova a Priverno, sono state derubate da bande, probabilmente due differenti, di ladri scassinatori.
A Sezze i malviventi sono entrati dalla finestra laterale riuscendo a forzare l'infisso. Una volta dentro si sono diretti alle slot machine. Le hanno aperte tutte ma per loro sfortuna le hanno trovate vuote. I dispositivi erano stati consegnati al titolare solamente il giorno prima in sostituzione dei precedenti e ancora non entravano in funzione. I ladri sono quindi andati via a mani vuote.

Più articolata la dinamica del furto messo a segno a Fossanova. Verso le 2.00, infatti, tre ladri a volto coperto e vestiti di scuro, a bordo di un suv, si sono fermati di fronte al minimarket e si sono messi all'opera. Mentre uno faceva il palo, gli altri due hanno prima tagliato la serranda con un piccolo ma potente frullino a batteria e poi hanno buttato giù un'anta della porta vetro scorrevole, incuranti delle telecamere che li stavano riprendendo. Il loro blitz è stato assai rapido visto che, dai filmati delle telecamere, si può vedere che l'azione è durata quattro minuti, compreso il disturbo di una residente che ha provato a distrarli gridando. Una volta all'interno i tre hanno staccato interamente gli scaffali contenenti i tabacchi riversandone il contenuto nel bagagliaio della loro auto. Allo stesso modo hanno arraffato i gratta e vinci e sono scappati via senza dare il tempo ai carabinieri di intervenire. La pattuglia della locale stazione, avvisata dal titolare che a sua volta era stato destato dal sistema di allarme, quando sono arrivati sul posto, non hanno potuto far altro che appurare che il colpo fosse andato a segno. Dai filmati estratti dal dvr collegato alle telecamere però è stato possibile carpire molte informazioni. La prima è che l'auto utilizzata, un suv della Mercedes, è lo stesso rubato a Ceriara di Priverno la notte tra il 24 e 25 aprile, la stessa in cui il market di Fossanova ha subito un primo furto, con modalità analoghe, evidentemente dagli stessi ladri. Stessi ladri che si ipotizza possano essere gli stessi che la notte tra il 25 e il 26 aprile possano aver colpito un altro bar e tabacchi di Sonnino Scalo. L'ammontare del furto di ieri notte si aggira intorno ai 7mila euro di refurtiva che si aggiungono ai circa 7 mila del colpo precedente.