E' stato rinviato a giudizio. E' quello che ha deciso ieri il giudice del Tribunale di Latina Giuseppe Cario nei confronti di un assistente ortopedico dell'Icot di Latina, accusato del reato di omicidio colposo per la morte di Roberto Pio Manzi, deceduto a cause delle conseguenze di un intervento chirurgico avvenuto il 12 febbraio del 2013. In aula si andrà tra sei mesi davanti al giudice monocratico Laura Morselli mentre per gli altri imputati si procede separatamente. Secondo quanto sostenuto dagli inquirenti, l'imputato ha avuto in cura il paziente che aveva subito un intervento chirurgico, a seguito dell'operazione il quadro clinico dell'uomo era diventato sempre più grave e dopo alcuni giorni era morto. Erano stati i familiari a presentare una denuncia. Secondo quanto ha sostenuto la Procura il personale medico non ha tenuto in considerazione il peggioramento del quadro clinico dell'uomo e che potesse essere originato dell'ipoglicemia. E inoltre avrebbero omesso di verificare lo stato di ipoglicemia con tutti gli esami di laboratorio.