Una stretta verso i "furbetti" dei rifiuti del Comune di San Felice Circeo. Se da un lato il dato che emerge dalla raccolta differenziata tocca punte oltre il 70% nel mese di marzo di quanto conferito, il gestore ed il comune sono ora impegnati a limitare il più possibile il conferimento dei rifiuti non corretto. In questo senso saranno operativi nelle prossime settimane gli ispettori ambientali che attueranno politiche di repressione e controllo su quanto indebitamente conferito. Intanto nei giorni scorsi sono diventate operative diverse fototrappole su diversi punti territorio che hanno già restituito documentazione efficace per l'elevazione delle conseguenti contravvenzioni per errato conferimento dei rifiuti.
"Stiamo dando seguito alle previsioni contrattuali e soprattutto vogliamo aumentare la quantità dei rifiuti recuperati, andando ben oltre il 70% raggiunto dello scorso mese di marzo – ha spiegato il sindaco Giuseppe Schiboni – La raccolta differenziata dovrà essere un vanto per la città e per i cittadini perché il nostro pensiero sarà quello di rendere il nostro territorio tra i comuni più "ricicloni" della provincia di Latina e della Regione Lazio. Il prossimo passo sarà quello di attivare un severo controllo territoriale perché vogliamo combattere l'abbandono dei rifiuti incondizionato e soprattutto mantenere alto il valore ambientale del Circeo".