Momenti di puro terrore nella tarda mattinata di oggi ad Aprilia in via Caniglia - una traversa di via del Genio Civile a Campo di Carne - per una giovane mamma che aveva affidato il figlio di 4 anni alla cugina. Non era la prima volta. La donna, 28 anni, si occupava spesso del piccolo. Anche ieri si era recata a casa della cugina perché la giovane madre doveva uscire. Rimasta sola col bambino, la 28enne sembra che abbia deciso di chiuderlo in una stanza. Poi ha preso il telefono e chiamato la cugina. Sembra abbia proferito parole senza senso tanto che la giovane madre, allarmata, ha deciso di tornare di corsa a casa. Qui però ha trovato la porta chiusa dall'interno. Mentre la madre supplicava ancora, sul posto sono giunti i carabinieri di Aprilia. Il comandante della Sezione radiomboile, il capitano Carloni insieme ad un collega hanno deciso di non indugiare oltre. Non avendo contezza dello stato fisico del piccolo, non sentendolo proferire parola, sono saliti sul tetto e si sono calati all'interno dell'abitazione tramite una finestrella del primo piano. Hanno trovato il piccolo, spaventato, ma in buona salute e hanno bloccato la 28enne che al momento è stata affidata al personale medico che l'ha trasferita in ospedale per un trattamento sanitario obbligatorio. Nei suoi confronti si sta valutando la possibilità di contestare una ipotesi di reato di sequestro.