Si era presentato in un bar di Latina molto conosciuto chiedendo di poter cambiare le monete. Il titolare pensava a pochi spicci e invece ha tirato fuori uno zaino che pesava 50 chili, contare ogni moneta e cambiare i soldi in banconote era un'impresa impossibile.  Protagonista della vicenda un romeno accusato di ricettazione che è comparso in Tribunale davanti al giudice Puccinelli e che è stato condannato alla pena di otto mesi di reclusione e a 200 euro di multa non soltanto per le monete rubate ma anche perchè è stato trovato in possesso di sette chili di salsiccie, 5 coltelli professionali e poi due pancette, guanciali e quattro tagli di carne che erano provento di furto in una macelleria di Sezze. Tutto l'occorrente sembrava la lista della spesa per una grigiliata ma secondo quanto accertato invece voleva piazzare sul mercato la refurtiva.  I fatti contestati erano avvenuti nel maggio del 2015. Nei confronti dell'imputato un uomo di 32 anni, il vice procuratore onorario Sterzi ha chiesto la condanna a un anno di reclusione mentre al termine della camera di consiglio il giudice ha emesso la sentenza di otto mesi. Tra novanta giorni le motivazioni della sentenza.