Maria Corazza, 45 anni di Pomezia, e Domenico Raco, 39enne domiciliato a Torvajanica ma originario della Calabria. Sarebbero loro l'uomo e la donna trovati carbonizzati all'interno della Ford Fiesta bruciata in via San Pancrazio, a Torvajanica, nella mattinata di ieri.

Seppure la conferma ufficiale dovrà arrivare dall'esame del dna, molti indizi lasciano pensare che possano essere proprio Maria e Domenico, che risultano amici tra loro, le due persone che hanno perso la vita in quell'auto.

Intanto, i carabinieri del Nucleo investigativo di Frascati e della Compagnia di Pomezia proseguono le indagini: al momento, tutte le piste sono aperte e quelle più calde sembrano quelle dell'omicidio e dell'omicidio-suicidio.

Tra l'altro, nella giornata di sabato il compagno della donna è stato ascoltato per ore in caserma a Torvajanica come persona informata sui fatti e, dopo aver cercato conferme all'alibi fornito, è stato rilasciato.

Al momento, nella vicenda non risultano indagati da parte della Procura della Repubblica di Velletri.

Sono di una donna e un uomo i corpi trovati carbonizzati all'interno di una Ford Fiesta grigia alle 8 di questa mattina in via San Pancrazio, nelle campagne di Torvajanica. La donna pare sia una 45enne di Pomezia, sposata e con una figlia, di professione donna delle pulizie. Al momento è in corso di identificazione il secondo cadavere. I carabinieri stanno ascoltando diverse persone nella caserma di Torvajanica.

di: Francesco Marzoli

Due cadaveri carbonizzati sono stati trovati in un'auto a Torvajanica, quartiere balneare di Pomezia. A quanto sembra, si tratta di un veicolo che si trova in un campo abbandonato in una traversa di via Siviglia. Sul posto ci sono i vigili del fuoco, i sanitari del 118 e i carabinieri della locale Compagnia.

Seguiranno aggiornamenti

di: La Redazione