Non si hanno ancora notizie dell'esame autoptico disposto dall'autorità giudiziaria per fare chiarezza sulla morte di Mariachiara Mete, la ragazza di 21 anni deceduta per le complicazione di un intervento chirurgico di rinoplastica. Si allungano infatti i tempi per l'affidamento dell'incarico al medico legale come testimonia il fatto che ieri sera la famiglia della vittima non aveva ancora ricevuto la notifica per la fissazione dell'esame. Un ritardo, o meglio un'attesa che lascia presagire un'accelerazione nelle indagini: non è escluso infatti che il sostituto procuratore titolare dell'inchiesta stia valutando l'iscrizione sul registro degli indagati di alcuni dei professionisti coinvolti nella vicenda.
L'attenzione degli inquirenti sembra concentrata sulla clinica di Formia alla quale si era rivolta la ragazza per l'intervento di chirurgia estetica. E in particolare sull'attività della sala operatoria dove qualcosa è andato storto, tanto da rendere necessario il trasferimento finale della paziente presso l'ospedale Santa Maria Goretti di Latina per il trattamento in terapia intensiva presso il reparto di Rianimazione.