Niente sgombero nei confronti di un ristorante di San Felice Circeo destinatario di un'ordinanza emessa dagli uffici comunali. Il presidente del Tribunale amministrativo di Latina ha infatti accolto l'istanza cautelare monocratica invocata dal ricorrente e ha quindi "congelato" il provvedimento amministrativo. «Sussistono i presupposti per l'accoglimento - si legge all'interno del provvedimento firmato dal giudice - anche tenuto conto dell'omessa valutazione da parte del Comune delle osservazioni presentate dall'interessato». Il decreto cautelare perderà efficacia nel termine di 60 giorni, ma nel mentre potrebbe intervenire la pronuncia collegiale in ordine alla sospensiva o quella di merito sul ricorso in sé. Oggetto della contesa legale, come detto in premessa, è l'ordinanza di sgombero emanata dal Comune di San Felice nei confronti di quest'attività commerciale. Al centro, un'occupazione di suolo pubblico ritenuta abusiva dall'Ente ed estesa per 77 metri quadrati rispetto alla quale, ad aprile, era stata respinta la richiesta avanzata dal privato. Ora il Tar ha congelato l'atto amministrativo dell'Ente: tutto, in attesa di ulteriori decisioni, resta com'è.