Ha patteggiato la pena di tre anni e quattro mesi di reclusione. E' questa la sentenza emessa ieri dal giudice del Tribunale di Latina Mario La Rosa, al termine della camera di consiglio, nei confronti di una donna di 42 anni, di Aprilia, arrestata lo scorso febbraio nel corso di una operazione antidroga con un chilo di cocaina. L'imputata, difesa dall'avvocato Emanuele Farelli, è comparsa davanti al magistrato nel corso del processo che si è svolto ieri e la vicenda si è definitivamente conclusa. L'imputata ha ottenuto inoltre gli arresti domiciliari e ha lasciato il carcere, il giudice ha infatti accolto la richiesta da parte della difesa per una misura meno afflittiva.  L'operazione era stata condotta ad Aprilia nella zona di via Enna e aveva portato al sequestro della sostanza stupefacente. La donna era stata fermata dai militari del Nucleo operativo radiomobile di via Tiberio nel corso di un controllo e una volta che le era stato intimato l'alt mentre era alla guida di un'auto, il suo atteggiamento nervoso ha indotto gli investigatori ad approfondire la perquisizione nel veicolo. E così in una borsa, in un pacchetto sottovuoto è stata trovata la sostanza stupefacente di elevata purezza come è emerso nel corso del controllo portato a termine dagli uomini diretti dal tenente colonnello Riccardo Barbera.