Beneficiario di un alloggio popolare, un esponente del clan Di Silvio aveva pensato bene di trasferirsi altrove per affittare ad altri la casa che gli era stata concessa per una condizione di disagio economico che, evidentemente, non era reale. Un utilizzo improprio del patrimonio immobiliare pubblico che non è sfuggito all'Ater: per l'assegnatario infedele è scattata la decadenza del titolo, emessa dal Servizio Politiche di Gestione e Assetto del Territorio del Comune di Latina giusto questa settimana.
Ci sono voluti dieci mesi per concludere l'iter che permette all'Azienda Territoriale per l'edilizia residenziale pubblica di rientrare in possesso dell'alloggio, anche se virtualmente per ora, visto che il destinatario dell'atto ha ancora la possibilità di opporsi, ricorrendo all'autorità giudiziaria ordinaria.