La Polizia di Latina ha espulso un giovanissimo egiziano. Il tutto in seguito agli accertamenti  volti a prevenire attività criminose riconducibili a soggetti irregolarmente soggiornanti sul territorio italiano. Il ragazzo di 19 anni, trovato in compagnia di una ragazzina di 15 anni, con fare sospetto stava osservando le auto parcheggiate nei pressi della stazione ferroviaria di Cisterna di Latina. Il foto segnalamento ed i riscontri dattiloscopici della scientifica consentivano di accertare che il ragazzo, di nazionalità egiziana, nonostante la giovane età, annoverava trascorsi criminali di spessore, avendo commesso molteplici reati di furto sulla tratta ferroviaria Cisterna - Aprilia Campo leone e per essersi posto come reclutatore e leader di una baby gang che nel 2018 e nei primi mesi del 2019 ha terrorizzato gli adolescenti di Cisterna ed Aprilia nei pressi di stazioni e centri commerciali, rapinandoli di telefonini e tablet . Ritenuto il soggetto pericoloso per l'ordine e la sicurezza pubblica, il Commissariato Distaccato di P.S. di Cisterna lo ha proposto per l'espulsione al Prefetto di Latina che provvedeva nell'immediatezza, con successivo trasferimento presso il Centro di Ponte Galeria per le procedure di rimpatrio conseguenti. La ragazzina quindicenne, soggetto particolarmente debole per l'età ed anche per una grave storia di violenze e sopraffazioni subite nel recente passato, è stata affidata ad una casa famiglia specializzata per l'accoglienza minori.