Preso il ladro seriale di biciclette a pedalata assistita. Nei guai è finito un cittadino tunisino già noto alle forze dell'ordine e proprio nei giorni scorsi raggiunto da altri provvedimenti, uno di questi un foglio di via. K.H., 36 anni, nei giorni a ridosso del Ferragosto aveva fatto sparire diverse biciclette elettriche, mezzi a due ruote molto diffusi. Tante le denunce e le segnalazioni, alcune delle quali anche per mezzo di filmati video. Così nei giorni scorsi gli uomini del commissariato di polizia di Terracina guidati dal dirigente Roberto Graziosi, dopo accertamenti e indagini, lo hanno fermato mentre probabilmente si stava preparando a compiere un altro furto. L'uomo è stato indivuduato sul lungomare Circe mentre si aggirava con fare sospetto. Il tunisino è stato subito riconosciuto dal momento che già in passato gli Agenti del Commissariato di Terracina avevano denunciato l'uomo per lo stesso reato e nella circostanza avevano notificato allo stesso un foglio di via con divieto di ritorno dal Comune di Terracina. Evidentemente il pregiudicato incurante del divieto di ritorno tuttora in atto, da qualche giorno aveva ripreso a "colpire" in città ritenendo erroneamente di passare inosservato tra le molteplici presenze di turisti che affollano la città nel pieno della stagione estiva. Nel corso della perquisizione gli Agenti rinvenivano e sequestravano al soggetto un quantitativo di sostanza stupefacente del tipo hashish, che deteneva occultata indosso, in relazione alla quale lo stesso veniva segnalato quale assuntore alla locale Prefettura di Latina. Ad esito delle procedure di rito il cittadino tunisino veniva deferito per il reato di furto e per inosservanza ai provvedimento dell'Autorità. Sono in corso accertamenti finalizzati a verificare la permanenza di titoli in possesso del soggetto che gli consentano di permanere sul territorio nazionale. La Squadra Anticrimine prosegue nelle indagini finalizzate all'individuazione di eventuali complici e dei ricettatori degli oggetti rubati.

Foto di Ovi C da Pixabay