E' stato condannato a quattro mesi di reclusione ed è tornato in libertà il giovane cittadino indiano, arrestato dai carabinieri del Comando Provinciale di Latina nel corso di un mirato servizio antidroga condotto nel quartiere Nicolosi. L'operazione era scattata martedì mattina poco prima delle 11 in via Curtatone e aveva portato al fermo del giovane sorpreso mentre cedeva una dose di sostanza stupefacente ad un acquirente. Dopo che era stato portato al Comando Provinciale per il fotosegnalamento e per tutti i rilievi del caso, ieri mattina il cittadino straniero che non ha fissa dimora, è comparso davanti al giudice monocratico del Tribunale Enrica Villani e si è svolto il processo per direttissima. Il difensore del ragazzo, accusato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti, ha scelto per il proprio assistito il rito abbreviato, un giudizio previsto dal codice che prevede la riduzione di un terzo della pena in base agli elementi che sono stati raccolti. Alla fine della camera di consiglio il magistrato ha condannato il giovane.