Dopo un anno di detenzione ha lasciato il carcere Luigi Ciarelli. Arrestato alla fine di luglio 2018 per il carico di cocaina da 80 chili arrivato dal Sudamerica via mare, il 49enne ha ottenuto una misura cautelare meno restrittiva mentre si stanno celebrando le battute iniziali del processo davanti ai giudici del Tribunale di Livorno.
Torna a casa quindi uno degli esponenti di spicco della famiglia che ha la propria base nel quartiere Pantanaccio, colui che viene considerato il reggente del clan dopo la faida del 2010 che aveva visto la sua fazione alleata dei Di Silvio nella guerra ai gruppi concorrente. Un'escalation di vendette e regolamenti di conti che avevano portato a una serie di inchieste e arresti eccellenti, di fatto delegando a Luigi Ciarelli il ruolo fino a quel momento ricoperto insieme ai fratelli Carmine e Ferdinando.