Un mirato servizio di controllo del territorio finalizzato al contrasto dello spaccio e alle situazioni di degrado legate al consumo della droga, ha permesso ai carabinieri della Compagnia di Latina diretti dal maggiore Carlo Maria Segreto di arrestare due giovani pusher indiani senzatetto che vivono saltuariamente nel rudere dell'ex bar nell'area del mercato settimanale. Dopo un rocambolesco inseguimento terminato nel centro città, sono finiti in manette B.G.S. e B.J.S. di 30 e 27 anni, trovati in possesso di 19 dosi di eroina per un totale di sei grammi, tre flaconi di metadone per un totale di 250ml e 1.285 euro in contanti provento dello spaccio.
L'operazione è stata portata a termine dagli investigatori della Sezione Operativa impegnati nell'attività di controllo del territorio con personale in abiti civili, potenziata nel fine settimana per contrastare lo spaccio nei luoghi maggiormente frequentati dai giovani. Nel corso di un appostamento i detective hanno notato i due pusher mentre cedevano una dose di droga in cambio di denaro a un acquirente che poi è riuscito a dileguarsi. Alla vista dei militari, anche i due indiani hanno cercato di scappare, ma sono stati bloccati dai Carabinieri dopo un rocambolesco inseguimento in via delle Medaglie d'Oro, tra piazza della Libertà e il parco Falcone e Borsellino. Le perquisizioni personali hanno permesso di trovare la droga che è costata l'arresto per entrambi gli stranieri, portati nella vicina caserma con l'ausilio di una pattuglia del Comando stazione di Latina città per gli atti che hanno preceduto il trasferimento dietro le sbarre della Casa Circondariale di via Aspromonte.