Il Servizio Attività Produttive del Comune di Latina ha ordinato la cessazione dell'attività di somministrazione di alimenti e bevande per la pizzeria "E Scugnizz" di via Tito Speri, un provvedimento scaturito in seguito ai disagi provocati dalla collocazione della canna fumaria a un'altezza troppo bassa sul tetto del locale. Le verifiche della Polizia Locale sono scattate in seguito a un esposto, presentato evidentemente da un residente che lamentava la presenza dei fumi di cucina e forno all'altezza delle finestre dei palazzi circostanti.
Nel testo dell'ordinanza di cessazione dell'attività, infatti, il Comune specifica che "la canna fumaria, fissata al prospetto interno del cortile condominiale ed avente la bocca di espulsione ad una altezza di un metro e mezzo (1,5 mt.) oltre il colmo del solaio di copertura dell'edificio cui era installata a circa quattro metri e mezzo (4,5 mt) da terra. Si è rilevato inoltre che il predetto camino, insieme a quello asservito al funzionamento del forno a legna, risultavano posizionati ad una distanza di soli quindici metri lineari dalla retrostante unità immobiliare e ad una quota pari al "filo" superiore del parapetto del balcone dell'appartamento posto al primo piano del suddetto immobile, quindi al di sotto del "filo" superiore dell'apertura più alta (come previsto dal punto 2.10 dell'allegato IX del D.Lgs n.152/2006)".
Una situazione che ha fatto scattare la decadenza della Scia, la Segnalazione certificata di inizio attività, quindi la chiusura del locale in virtù del fatto che "le autorizzazioni decadono quando viene meno la sorvegliabilità dei locali, la loro conformità alle norme urbanistiche, sanitarie, di sicurezza e di prevenzione incendi".