Resta in carcere il 32enne di origine indiana ma residente a Cori, arrestato con l'accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e sorpreso con un'ingente quantità di bulbi di papavero.  E' quello che ha deciso ieri il giudice del Tribunale di Latina Giuseppe Cario che ha interrogato l'indagato bloccato nei giorni scorsi dai carabinieri al termine di una attività di monitoraggio del traffico di bulbi di papavero. Ieri mattina al termine dell'udienza, il magistrato ha convalidato l'arresto e a margine dell'audizione dell'uomo che si è avvalso della facoltà di non rispondere, ha emesso un'ordinanza di custodia cautelare in carcere, alla luce degli elementi che sono stati raccolti dagli investigatori.  Erano stati i carabinieri della stazione di Sabaudia ad intervenire e al termine di un appostamento a poca distanza dalla stazione ferroviaria di Priverno, avevano fermato il 32enne che quando ha visto i carabinieri ha cercato anche di scappare. Al termine del blitz, gli investigatori hanno sequestrato 40 buste termosaldate che contenevano bulbi di papavero per un totale complessivo di cinque chili e che erano in un trolley da viaggio.