Sono partiti da piazza Mazzini, hanno percorso via Orti Ginnetti fermandosi davanti alla casa dell'agente scelto e sono poi arrivati davanti al commissariato, dove con una preghiera finale si è concluso tutto. 

Stiamo parlando dei circa duemila cittadini di Velletri che questa sera, 7 ottobre 2019, hanno preso parte alla fiaccolata organizzata dal sindacato di polizia Sap, cui hanno partecipato anche molte autorità locali e nazionali.

A guidare il corteo, dietro allo striscione che ricordava il sacrificio di Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, uccisi il 4 ottobre nella Questura di Trieste, c'era Gianluca, il fratello di Matteo, l'agente scelto di Velletri.

È stato lui a ricevere abbracci e applausi da tutti, soprattutto davanti alla casa familiare di via Orti Ginnetti. 

Intanto, si è appreso nelle scorse ore che mercoledì sarà effettuata l'autopsia sui corpi dei due poliziotti uccisi in Friuli; verosimilmente, venerdì potrebbero essere celebrati i funerali di Stato. Non è escluso che quelli di Matteo Demenego vengano celebrati proprio a Velletri nella mattinata dell'11 ottobre.