«Mi hanno rapinato mentre stavo per consegnare le pizze».

Sarebbero queste le parole che un fattorino 22enne di Pomezia avrebbe pronunciato ieri mattina nella caserma dei carabinieri, dove si è recato per denunciare la rapina subita qualche ora prima.

Domenica sera, infatti, il ragazzo - che lavora per conto di una pizzeria della città - aveva riposto le pizze ordinate nel vano termico dello scooter e si era diretto verso via Fellini, ossia l'indirizzo dove sarebbe dovuta avvenire la consegna.

Arrivato attorno alle 20 nella zona popolare pometina, il giovane ha parcheggiato il ciclomotore e ha preso in mano le pizze, raggiungendo l'androne del palazzo.

Arrivato qui, però, si è trovato davanti a sé tre persone che, in un battibaleno, lo hanno accerchiato.

In questo frangente, stando al racconto del giovane, è spuntato fuori un coltellino, attraverso cui uno dei malviventi ha minacciato il fattorino, chiedendo la consegna dei soldi che aveva con sé: a quel punto, il ragazzo ha estratto dalle tasche banconote e monete che aveva per dare i resti durante le consegne, per un totale di circa cento euro.

Ottenuto il bottino, i malviventi se ne sarebbero andati, mentre il ragazzo è rimasto con le pizze in mano e, impaurito, ha fatto ritorno in pizzeria.

Ieri mattina, poi, la decisione di raggiungere la caserma dei carabinieri e di denunciare la rapina, dando quindi il via alle indagini, ora portate avanti dai militari dell'Arma della Compagnia di Pomezia, agli ordini del capitano Luca Ciravegna.

Starà a loro, adesso, recuperare elementi utili alla ricostruzione dei fatti, nel tentativo di identificare gli autori della presunta rapina denunciata dal 22enne.