Il 15 gennaio del 2020 il giudice dell'udienza preliminare di Roma deciderà se rinviare o meno a giudizio, per l'ipotesi di reato di omicidio colposo, tredici medici in servizio in una clinica e in un ospedale di Roma.

La vicenda è quella che riguarda la morte di un sessantenne di Sonnino deceduto nella Capitale il 30 luglio del 2018 dopo due interventi chirurgici e circa 40 giorni di agonia in corsia.

Tutto, stando alle indagini condotte dopo la denuncia della vedova dell'uomo, partirebbe da una prima operazione che non sarebbe andata a buon fine e sarebbe culminato in alcuni controlli probabilmente sbagliati effettuati in seguito.

Fatta salva la presunzione di non colpevolezza fino all'ultimo grado di giudizio di tutti gli indagati, l'infezione settica a causa della quale il sessantenne ha perso la vita sarebbe stata generata da una serie di concause nate da...