Ha patteggiato la pena di quattro mesi di reclusione per il furto di energia elettrica. E' questa la sentenza emessa ieri dal giudice del Tribunale di Latina Pierpaolo Bortone nei confronti di una donna di 33 anni, accusata di furto di energia elettrica. I fatti contestati erano avvenuti a Bassiano il 17 novembre del 2015 e la donna era accusata di furto. Da una serie di controlli erano emerse delle irregolarità dai contatori, nell'ambito di un piano portato avanti dai gestori per scoprire i furbetti del contatore che grazie ad una applicazione erano di fatto riusciti ad azzerare i costi. Ieri uno dei tanti processi per furto di energia elettrica si è concluso con la sentenza di patteggiamento. Sono moltissimi i casi in tutta la provincia di Latina di diversi esercenti ma anche cittadini privati che per pagare meno in bolletta utilizzando degli stratagemmi per cercare di risparmiare