Il Comune di Nettuno ha installato circa venti postazioni di videosorveglianza, fisse e mobili, dislocate all'interno del territorio comunale. Un progetto che è in fase di completamento e che punta a un più elevato standard di sicurezza e a contrastare il fenomeno delle discariche abusive.

Una postazione è stata installata anche nella zona della stazione ferroviaria, punto nevralgico dove spesso si sono verificati episodi che hanno necessitato l'intervento delle forze dell'ordine e dove è presentate anche una delle isole ecologiche del centro. Il nuovo sistema di videosorveglianza prevede due punti di visione, uno negli uffici del settore Ambiente del Comune di Nettuno, l'altro nella sala operativa sita all'interno del Comando della polizia locale.

Delle venti postazioni totali che saranno installate, alcune saranno fisse e posizionate sugli impianti dell'illuminazione pubblica, mentre altre saranno dotate di pannelli fotovoltaici e potranno essere posizionate in qualunque zona della città, specialmente quelle periferiche.

«L'installazione di queste telecamere e di quella vicino alla stazione ferroviaria di Nettuno - ha sottolineato l'assessore alla Sicurezza, Marco Roda - rappresenta un primo passo verso la pianificazione completa del territorio e permetterà ai cittadini di vivere in maniera più serena e sicura, anche in quelle zone che fino a oggi sono state interessati da episodi di microcriminalità. A questo si aggiunge il rispetto della legalità - ha concluso - per quello che riguarda il corretto conferimento dei rifiuti, con i trasgressori che saranno videosegnalati e multati».