Sono stati oltre 120 gli interventi messi a punto dai vigili del fuoco di Anzio, Pomezia e Nemi - coadiuvati dal Nucleo sommozzatori e dal Soccorso alpino fluviale di Roma - sul territorio di Nettuno, Anzio, Ardea e Pomezia, in sinergia con le polizie locali e con le associazioni di protezione civile.

In particolare, per undici volte i pompieri di Nemi sono intervenuti per salvare persone o liberare case e auto dall'acqua: l'intervento più importante ha riguardato una coppia di romeni e il loro figlio di un anno e mezzo, rimasti bloccati nell'auto sommersa dall'acqua sull'Ardeatina; stessa situazione per un giovane del posto, estratto dalla vettura fra Lido dei Pini e Lavinio.

In più, in una traversa di via Nettunense, il muro di cinta di una villa è franato all'interno di un piccolo canale.

Sul territorio, chiaramente, fino a oltre la mezzanotte sono stati mobilitati anche i volontari dell'associazione "Nettuno" della Protezione civile e i loro colleghi dell'Alfa di Aprilia.

Infine, a Pomezia, alle 21 di ieri (11 novembre 2019) i vigili del fuoco di Nemi hanno estratto dalle lamiere di un furgone adibito al trasporto espresso dei pacchi un giovane dei Castelli Romani, che aveva sbandato ed era finito contro un palo. I fattisono stati registrati in via della Solfarata, in località Santa Palomba.