Nelle scorse settimane, il legale rappresentante di una società con sede ad Ardea ha deciso di impugnare davanti al Tar del Lazio il "Regolamento Gioco Lecito e Ludopatia" approvato dal Consiglio comunale nel maggio scorso, ma anche un decreto del Questore di Roma risalente al settembre scorso, presentando un ricorso.

In tale frangente, ieri è stata pubblicata un'ordinanza collegiale dei giudici amministrativi di primo grado, attraverso la quale è stato chiesto al ministero dell'Interno e al Comune di Ardea - il primo assistito dall'Avvocatura dello Stato e il secondo non costituitosi in giudizio - di consegnare, entro venti giorni, «tutta la documentazione posta a fondamento dell'adozione» dei provvedimenti impugnati, per i quali è stata sollecitata anche la sospensiva immediata della loro efficacia.

Al contempo, gli stessi giudici hanno fissato la prossima udienza al 14 gennaio 2020.