Sono stati arrestati per l'ipotesi di reato di tentato omicidio, nel pomeriggio di oggi, 6 dicembre 2019, tre uomini di nazionalità egiziana che lavorano in un autolavaggio in via Laurentina, nella zona di Rio Verde. In particolare, sono ritenuti i presunti responsabili di una aggressione avvenuta in mattinata proprio in strada ai danni di un uomo italiano di Ardea.

Quest'ultimo aveva raggiunto il locale per chiedere spiegazioni in merito al danneggiamento dell'auto della moglie: la donna, infatti, aveva lasciato il veicolo ieri mattina nel locale per essere lavato, ma al momento di ritirarlo aveva riscontrato danni alla parte posteriore del mezzo.

Dopo aver discusso con uno degli egiziani, la donna sarebbe tornata a casa, raccontando al marito l'accaduto.

E oggi, quindi, anche l'uomo si è recato nell'autolavaggio, con la discussione che si sarebbe ben presto trasformata in una lite - la cui dinamica è al vaglio dei carabinieri -, che ha portato all'iniziale ferimento sia dell'uomo italiano che di uno degli egiziani.

Poco dopo, però, ecco il peggio: il cittadino di Ardea si era allontanato per raggiungere un negozio, ma dopo essere uscito sarebbe stato raggiunto dai tre egiziani, che lo avrebbero picchiato con violenza, causandogli ferite alla testa e facendolo finire alla clinica "Sant'Anna" di Pomezia in prognosi riservata.

In tale frangente, qualcuno ha chiamato i carabinieri che, dalla vicina Tenenza di Ardea e dalla Compagnia di Anzio, hanno raggiunto la zona: due dei tre stranieri sono stati portati in caserma, mentre uno è stato inizialmente accompagnato in ospedale.

Al termine dei primi accertamenti e dopo aver sentito il magistrato di Velletri, i tre stranieri sono stati arrestati per l'ipotesi di reato di tentato omicidio.