Sarà un geologo di Anzio a predisporre tutte le perizie da inviare al Genio civile al fine di avviare i lavori di sistemazione della scalinata del Belvedere di Nettuno, rimasta danneggiata a causa di un crollo avvenuto il 3 febbraio dello scorso anno.

A dicembre, infatti, il dirigente dell'area tecnica del Comune ha affidato al professionista l'incarico in questione, a fronte di un corrispettivo economico di 2.440 euro.

«Per effettuare un intervento risolutivo - si legge infatti nella determina - è stato necessario interpellare tecnici specializzati al fine di predisporre quanto necessario alla redazione della documentazione necessaria al deposito strutturale presso l'ex Genio civile».

A margine di questa consultazione, dunque, è stato scelto il geologo anziate.

In questa sede, comunque, va sottolineato come i lavori di consolidamento e messa in sicurezza della scalinata del Belvedere siano già stati preceduti, nei mesi scorsi, da interventi urgenti.

Innanzitutto, l'area è stata delimitata subito dopo il crollo registrato nel primo sabato di febbraio del 2018: in tale contesto, dal Comune sono stati predisposti dei lavori di massima urgenza con la rimozione dei detriti e l'esecuzione di opere provvisorie di contenimento del terrapieno; dopodiché, prima dell'estate, sono stati effettuati altri interventi per consentire l'accesso alle spiagge in sicurezza.

Ora, però, è tempo di effettuare altri lavori al fine di riqualificare definitivamente l'area: di conseguenza, dopo le perizie del geologo, sarà approntato il progetto.