E' stato condannato a quattro anni di reclusione. E' la sentenza emessa ieri dal Collegio Penale del Tribunale di Latina nei confronti di  un uomo di 30 anni accusato di una rapina avvenuta la scorso agosto a Latina al Centro Morbella nei confronti di alcuni giovani.  In aula la pubblica accusa nel corso della sua requisitoria, ha chiesto la condanna a quattro anni e quattro mesi di reclusione, mentre la difesa dell'imputato ha chiesto l'assoluzione per la rapina e l'applicazione delle attenuanti generiche che alla fine sono state concesse.  Scontato che una volta che saranno depositate le motivazioni della sentenza, la difesa presenterà ricorso in Corte d'Appello. L'imputato era stato arrestato dagli agenti della Squadra Volante e secondo l'accusa sotto la minaccia di una lametta, minacciando di autolesionarsi, aveva tenuto sotto scacco alcuni ragazzi. L'allarme al 113 era scattato nel cuore della notte quando un passante aveva segnalato la presenza di un giovane che percorreva via Picasso con una maglia insanguinata. All'arrivo di una pattuglia l'uomo ha lanciato il telefono che aveva appena rapinato ed era stato anche bloccato dopo un breve inseguimento a piedi. I fatti avvenuti lo scorso agosto.