E' un imprenditore agricolo di Minturno la persona indagata per l'omicidio di Verginica Vinatoru, la romena di cinquantuno anni trovata morta nel fiume Garigliano il dieci ottobre scorso. Le indagini dei Carabinieri della Compagnia di Sessa Aurunca, coordinate dalla Procura della Repubblica di Santa Maria Capua Vetere, come già noto, hanno avuto un'accelerazione, anche se rimangono ancora dei punti da chiarire. La straniera potrebbe essere stata uccisa per il furto di pollame all'interno della fattoria, dove la donna sembra abbia lavorato. Lo stesso imprenditore avrebbe sorpreso la cinquantunenne a rubare e l'avrebbe colpita con un bastone alla testa. Secondo una prima ricostruzione la donna perse i sensi e, una volta ripresasi, dovette far ricorso alle cure ospedaliere, dopo le quali presentò una denuncia; e per quell'episodio l'imprenditore pontino dovrà risponderne in tribunale.