Ha portato in Sardegna l'esperienza maturata a Latina. Gregorio Capasso, Procuratore Capo di Tempio Pausania, ha un sogno ed è quello di creare nell'ufficio giudiziario gallurese uno spazio per l'ascolto delle vittime di violenze di genere e di minori abusati. «E' una cosa che ho già fatto alla Procura di Latina con l'istituzione di della sala Ascolto dei minori - ha spiegato il magistrato pontino in una intervista ad un quotidiano sassarese - la sala è intitolata alla compianta collega Maria Eleonora Tortora prematuramente scomparsa che aveva dedicato tutto il suo percorso professionale alla lotta agli abusi in danno di donne e minori». In Sardegna dove si è insediato da quasi due anni, il magistrato di Latina ha adottato diversi protocolli per tutelare le fasce deboli, tra cui uno di indagine che ha anticipato l'entrata in vigore del Codice Rosso e che - come ha aggiunto - ha fatto diventare l'ufficio, una sede all'avanguardia sotto questo punto di vista nel contrasto alla violenza di genere e alla tutela delle donne e dei minori. «L'obiettivo è salvaguardare gli interessi della parte offesa con cuore e coraggio», ha aggiunto. La sala intitolata al magistrato Maria Eleonora Tortora era stata inaugurata nel marzo del 2018 e in quell'occasione il magistrato Capasso aveva detto che: «Siamo riusciti a realizzare un sogno»