Tabulati telefonici e tracciamento del codice Imei dello smartphone: così è stato ritrovato un telefono rubato, che la polizia ha scoperto essere nelle mani di due ragazzi di 19 anni di Napoli, entrambi denunciati per ricettazione dello stesso cellulare risultato rubato a Gaeta.

E' questa la conclusione di un'indagine scattata l'estate scorsa dopo la denuncia sporta per il furto di uno smartphone e di altri oggetti di valore. La Procura di Cassino, titolare dell'inchiesta, ha quindi disposto che venissero acquisiti i tabulati telefonici al fine di scoprire, anche grazie al codice Imei dell'apparecchio, se il telefono fosse ancora in uso. Ed è stato proprio così.

I poliziotti della Questura di Latina hanno quindi effettuato degli accertamenti, scoprendo che nello smartphone erano state inserite due sim riconducibili ad altrettanti giovani fidanzati residenti a Napoli, così come confermato anche dall'analisi dei contatti telefonici.

A quel punto, i due ragazzi - entrambi incensurati - sono stati rintracciati e denunciati in stato di libertà per l'ipotesi di reato di ricettazione. Il telefono, che era ancora in loro possesso, è stato sequestrato in attesa dell'autorizzazione alla restituzione alla legittima proprietaria.  legittima proprietaria.